“Lo specchio che inganna”: una poesia di Federico Garcia Lorca

Verde ramo libero
da ritmo e uccelli.

Eco di singhiozzo
senza dolore né labbro,
Uomo e Bosco.

Piango
davanti al mare amaro.
Nelle mie pupille
due mari cantano!

Precedente "Pioggia": la dolce poesia di Federico García Lorca Successivo "Alle cinque della sera": una poesia di Federico Garcia Lorca