“Giura”: una poesia di Costantino Kavafis

Ad ogni poco giura di cominciare una vita migliore.
Ma quando viene, coi consigli suoi, la notte,
e coi suoi compromessi e le lusinghe,
ma quando viene, con la sua forza, la notte
(il corpo anela e cerca), a quell’eguale
fatale gioia, ancora perso, va.

Precedente "Solitudine": una poesia di Rainer Maria Rilke Successivo "Per quanto sta in te": una poesia di Costantino Kavafis